Schema di analisi di un brano di versione

Come i miei studenti ben sanno io ho l’abitudine di usare delle metafore piuttosto semplici per spiegare loro regole, fenomeni e procedure operative: beh, io chiamo la procedura che trovate suggerita in questo file “IL GIOCO «UNISCI I PUNTINI»” perché mi ricorda molto uno di quei giochi che il mio bambino di 5 anni ama tanto:unisci-i-puntini…in questo genere di gioco, l’unico modo per ottenere il risultato desiderato, cioè riuscire a vedere la figura completa, è unire i puntini uno dopo l’altro, in ordine e senza salti, passando dall’1 al 2, poi dal 2 al 3, dal 3 al 4 e così via. Ci vuole pazienza e metodo.

Allo stesso modo, utilizzando un sistema di segni, sempre gli stessi, per eseguire l’analisi – del periodo prima e logica poi – ed effettuando questa analisi dall’inizio alla fine del testo, aiutandosi con il dizionario SOLO QUANDO strettamente NECESSARIO – ad esempio per capire se una parola come Iuno è ablativo sing. della 2^ declinazione o nominativo sing. della 3^, o se bellis è dativo/ablativo plur. della 1^/2^ oppure genitivo sing. della 3^, e così via – si otterrà una traccia da seguire, una traccia senza buchi, senza vuoti, senza grandi margini di incertezza, una sorta di filo di Arianna che ci guidi attraverso il labirinto della traduzione:

filo-di-arianna a quel punto “basterà” (si fa per dire :-)) UNIRE I PUNTINI per ottenere un’ipotesi di traduzione abbastanza corretta. Gli aggiustamenti necessari – spostare un attributo prima o dopo il nome, un verbo prima del complemento etc…, si potranno fare in seguito.

Dai, tentar non nuoce! Cliccate qui ->  schema-di-analisi-per-un-brano-di-versione

 

Annunci